Schiacciare il pane

x56237501_272165810385101_5747196833717813248_n-720x480.jpg.pagespeed.ic.p-FdbsYDcd

Schiacciare il pane è un atto talmente sacrilego che un brivido freddo corre lungo la schiena a commentarlo.

Parliamo di trentatrè bambini scolarizzati, di quindici uomini e ventidue donne, tre incinta, diciamo chi sono gli esseri umani che hanno scatenato l’odio cieco nel quartiere di Torre Maura, odio abilmente aizzato dai fascisti, perché i rom sono esseri umani, uomini, donne e bambini, che si sono visti assalire da una folla inferocita. Non stupise certo la matrice fascista del gesto,quelli sono solo in grado, come sempre, di agire in gruppo, come topi di fogna, contro un nemico inerme.

Almeno a Genova, quando per mero calcolo politico l’allora giunta di centro sinistra sgomberò il campo rom di Cornigliano, impedendo anche lì ai bambini di continuare a frequentare la scuola, ci siamo risparmiati l’esibizione d di queste bestie, ma, onestamente, non so se succederebbe anche oggi, con un sindaco sempre più impegnato a far la guerra agli ultimi e la gente che sembra apprezzare.

Sorge spontanea una domanda ingenua: e le forze dell’ordine? Dov’erano? Cosa facevano? perché hanno tenuto alla cintola quei manganelli che in altre occasioni hanno sfoderato e usato contro manifestanti inermi? Dobbiamo aspettarci questo in futuro? Un ordine pubblico a due facce, leone con gli agnelli, ecc.? Dobbiamo tollerare i saluti romani, gli incitamenti a dare fuoco a donne e bambini, ecc.? Dobbiamo abituarci che se a mostrare il culo a un poliziotto è un fascista, va bene, se a inveire contro i poliziotti che menano è un’ insegnante la si arresta e la si diffida dal manfiestare idee antifasciste?

Io lo so che non importa a nessuno, quelli sono rom, quindi, nell’ìmmaginario comune, non persone ma ladri, delinquenti, ecc. Forse non importa neanche a loro, perseguitati dalla notte dei tempi,i veri ebrei erranti. Eppure dovrebbe importarci, perché quegli uomini sono stati offesi, umiliati, oltraggiati da una canea fascista e da una folla senza freni che ha violato un numero consistente di leggi, dovrebbe importarci perché il braccio repressivo dello Stato, di solito piuttosto solerte se c’è da menare le mani,  ha deciso di non reprimere nell’immediato, perché il sindaco di Roma si è arreso allo sporco ricatto dei violenti e al razzismo.

Dovrebbe importarci perché hanno schiacciato il pane destinato ai bambini, che è come puntargli contro una pistola, dovrebbe importarci perché hanno violato i più elementari diritti civili garantiti a ogni essere umano in un paese che si proclama democratico. Non si può restare indifferenti o liquidare come un episodio quello che è solo l’ennesimo passo in avanti verso una deriva sociale ed etica che rischia di diventare inarrestabile.

Il mandante morale di questa aggressione tace, occupato a coniare i suoi sprezzanti commenti sulla cinquantina di migranti salvati in alto mare o a mangiare cibo spazzatura, secondo la logica che il simile vuole il simile.

Tace anche un’opposizione che non esiste, una nuova sinistra che è solo nella testa degli illusi, guidata da un parolaio solo poco più abile di Renzi, solo meno arrogante ma, quanto a contenuti, ugualmente evanescente e ancora più retorico, se possibile. Una sinistra che, come a Genova qualche tempo fa, insieme a tante anime pure in questo paese di sepolcri imbiancati, non ha capito che o si difendono i diritti di tutti, anche di quelli che sono sgraditi alla gente, come i rom, o parlare dei massimi sistemi è fiato sprecato e ipocrisia.

Tacciono anche quelli che si sono riuniti a Verona, in difesa della vita, così hanno detto, ed è strano: perchè calpestare il pane significa calpestare la vita.

Tacciono i Cinque stelle, complici e corresponsabili della macelleria sociale ed etica che si è aperta in questo paese. Anche se vi credete assolti, cazzo, se siete coinvolti!

Questo paese ha fatto un altro passo avanti sulla via dell’infamia, con un gesto che, per gli antichi, equivaleva ad attirarsi una maledizione, una punizione divina, tanto era considerato sacrilego. Un atto di violenza inaccettabile, un atto fascista, uno sputo alla Costituzione. Non c’è niente che giustifichi la violenza contro donne e bambini, niente.

Il ministro degli Interni dovrebbe, con decreto immediato, sciogliere le organizzazioni che hanno promosso l’aggressione, far arrestare e processare per direttissima i responsabili e far capire forte e chiaro a tutti che sarà applicata la tolleranza zero nei confronti di altre iniziative del genere.

Pura fantascienza, ovviamente,in questo paese senza vergogna. Tanto, non  importa a nessuno.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Apocalittici e integrati

In questi giorni a Genova si respira una conflittualità sotterranea, una rabbia che ribolle soprattutto nei militanti di sinistra che hanno la mia età, dai cinquant’anni in su, e che non trova sfogo perché la contrapposizione con chi è più giovane, o è rimasto fedele alla linea, si arresta di fronte a un muro assolutamente invalicabile.

Il concetto di astensione attiva e punitiva viene frainteso da chi porta avanti la teoria del meno peggio, del voto utile,  o peggio, ostenta il pericolo nero, come Berlusconi ostentava il pericolo rosso.

Basta vedere la rilevanza che sui social network viene data a un movimento insignificante, politicamente irrilevante e, nei fatti inesistente, come Forza nuova. Forza nuova, movimento anticostituzionale che andrebbe immediatamente sciolto, formato per lo più da devianti frustrati incapaci di capire che se sono delle infami merde è anche per colpa loro perché tutti hanno la possibilità di scegliere, esiste solo nei post dei social che amplificano un messaggio assurdo che ha la stessa presa che potrebbe avere un movimento politico guidato dal ballerino della Tim.

Lo aveva spiegato bene Noam Chomsky e ribadito Umberto Eco che se il nemico non esiste, bisogna crearlo. Così, dato il crollo delle ideologie che ha appiattito le proposte politiche su una sostanziale uniformità, ormai necessaria e quasi inevitabile, in un sistema dove la finanza ha soppiantato la politica, ognuna delle parti in lotta, entrambe prive di qualsiasi principio etico che non sia il potere a qualsiasi costo, inventano nuovi nemici: ieri degli inesistenti comunisti, oggi leghisti e Forza nuova, agglomerati politici marginali e irrilevanti, se si facesse una legge elettorale seria, cosa che il Pd e Forza Italia temono più del demonio.

Io non credo sia necessario aver letto Bakunin, Marx o Marcuse, essersi sciroppati Wittgenstein e Adorno, e tanto che c’eravamo anche  Hegel e Heidegger ( perché il nemico va combattuto con le sue armi) per comprendere che l’approvazione del provvedimento sullo ius soli, tardivo e cervellotico come ogni legge che esce da questo governo, ma necessario, è stata tirata fuori all’improvviso per un cinico calcolo elettorale e non perché la sinistra si basa su valori etici diversi dalla destra.

Meglio: c’è una sinistra che, effettivamente, si basa su valori etici diversi, ma non sta in parlamento, non trova nemmeno un punto di contatto con il pd di Renzi, e non ha, al momento, un referente politico.

E’ una sinistra che cammina e lotta in mezzo a voi, che ogni giorno, ostinatamente  e un po’ masochisticamente, fa quello che ha sempre fatto: prova a cambiare la società.

Se c’è un motivo per cui non metterò mai il mio voto su una lista appoggiata dal Pd è proprio questo: hanno smesso di credere che la società si possa cambiare, si sono adeguati al sistema, hanno usato le armi del nemico fino a diventare il nemico.

Non si spiega altrimenti come si possa proporre lo ius Soli oggi, il decreto Minniti sul decoro dei centri urbani ieri e le sparate della Serracchiani in mezzo. Un melting pot di cazzate che non può definirsi neanche razzista, ma solo opportunista. Il Pd ha fatto proprio il pensiero liquido e l’ha reso talmente fluido da farlo diventare impalpabile.

Così quelli della mia generazione, che hanno vissuto la Dc, il terrorismo, gli scontri di piazza,la mattanza mafiosa, Mani Pulite, la seconda repubblica, etc. si ritrovano attoniti e sempre più furiosi a osservare questo assordante frastuono di nulla, questa politica priva di ideali, di basi epistemologiche elementari, di storia, di senso. Siamo passati dall’Uomo a una dimensione all’uomo senza dimensioni, flessibile, fluido, che s’insinua ovunque e assorbe tutto, basta che sia funzionale a portarlo al potere.

Quello che mi sconvolge è sentire dei giovani ammettere di votare il meno peggio. E che cazzo! A vent’anni per noi era conformista il PCI, abbiamo votato Magri e Capanna (Capanna!!!), abbiamo occupato le università, abbiamo perso sempre, con regolarità impressionante, ci siamo sciroppati Bergman e Buñuel, per mesi abbiamo evitato i cessi e usato solo le turche per non essere accusati di essere borghesi. Abbiamo fatto enormi cazzate, certo, ma ci sentivano maledettamente vivi.

Possibile che oggi un partito che è l’apoteosi stessa del conformismo borghese reazionario (scusate, fatemi parlare così, ogni tanto) un partito asservito senza riserve a quel sistema internazionale delle multinazionali di cui teorizzavano le Br nei loro messaggi sgrammaticati e deliranti, l’unica cosa giusta che hanno detto in mezzo a tanto orrore, tanto globalizzato da svendere i diritti dei lavoratori, devastare lo Stato sociale e mentire anche quando non è necessario, trovi consenso tra giovani colti, razionali, impegnati socialmente?

Possibile quando si elencano le nefandezze degli ultimi anni sentirsi rispondere che qualcosa di buona hanno fatto? E sti cazzi! Anche per mero calcolo delle probabilità, è inevitabile che qualcosa di buono abbiano fatto. ma il mondo va guardato salendo su una sedia, non solo dal nostro caldo angolo riparato. Io vivo una condizione privilegiata , il disagio, quello vero, non quello funzionale a dire che qualcosa di buono hanno fatto, lo tocco con mano ogni giorno e posso affermare senza tema di smentite, Genova è piccola e certi quartieri fanno testo, che la situazione peggiora di giorno in giorno. Stiamo tornando indietro, la realtà è questa. E allora, quel poco di buono che hanno fatto non mi basta..

Possibile che l’uso dello spirito critico si sia a tal punto azzerato? La lega non è fascista, la lega è un partito di primati privi di qualsiasi retroterra culturale che non sia concimare col letame i propri terreni. Mussolini veniva dal socialismo e dall’anarchia, aveva conosciuto Anna Kuliscioff, aveva dietro il più brillante filosofo italiano del Novecento, Giovanni Gentile. Aveva un’idea, aberrante, odiosa, spregevole, ma aveva un’idea di politica e di società. Questi non ce l’hanno, non c’è neanche bisogno di combatterli perché si combattono da soli, con la loro inettitudine, l’incapacità di formulare tre parole in italiano corretto, l’assoluta assenza di pensiero. Non si può scegliere di votare Renzi perché dall’altra parte c’è Salvini. A vent’anni avrei fatto quello che faccio adesso: avrei mandato a fare in culo tutti e due.

Sicuramente sbagliamo noi, sicuramente il futuro è questo: vivere turandosi il naso perché non sai che odori ci sono dall’altra parte. Certamente è anche colpa nostra, avremmo dovuto capirlo prima che ci stavano prendendo per il culo. Ma perché noi, che potremmo starcene tranquilli, siamo così incazzati e voi, che tranquillità sul vostro futuro non ne avete, siete così integrati? Si tratta solo di letture diverse della realtà, di letture diverse in assoluto o siete figli di uno Zeitgeist che non ci appartiene e che non potrà mai essere il nostro?

Non ho risposte, quello che so è che, per quanto mi riguarda, il futuro è nei prolet. Ancora.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

L'Italia inesistente di Michele Serra e Debora Serracchiani ( e di chi gli dà ragione…)

Un paio di doverose premesse.

1) Lo stupro è un reato odioso, senza attenuanti e chiunque lo commetta va condannato e imprigionato.

2) Non esistono, per fortuna, aggravanti legate alla razza o alla provenienza geografica nel codice penale. Nel caso, si violerebbe palesemente il dettato costituzionale in uno dei suoi articoli immodificabili.

3) Non sono un buonista, ho una lunga esperienza di lavoro con ragazzi stranieri e, quindi, di contatti con le loro famiglie. detesto e combatto da sempre ogni forma di razzismo e trovo particolarmente spregevole l’ondata di razzismo 2.0 recentemente inaugurata dal Pd.

3) Fino a due giorni fa, attribuivo al Pd almeno il merito di non aver mai indugiato su posizioni razziste come la destra e i CInque Stelle ( a me non frega nulla che siano onesti, gente che segue quello che dice Grillo, da sempre fascistoide, e attacca le Ong nel modo in cui l’hanno fatto loro, mi fa schifo). Da due giorni a questa parte, non ha neppure più questo merito.

Debora Serracchiani e Michele Serra, l’ombra del giornalista che fu o che, probabilmente non è mai stato e faceva finta di essere, partono da un assunto sbagliato, quello cioè che l’Italia sia una paese accogliente e ospitale, aperto a chi arriva qui in cerca di una speranza di vita e, che per questo, si sente tradito quando un ospite tradisce.

A parte che nel mondo globale in cui viviamo trovo spregevole l’uso del termine “ospitare” riferito ad altri esseri umani, vorrei informare i due autorevoli esponenti del nuovo centrodestra, perché questo è il Pd di Renzi oggi, che l’Italia non è un paese ospitale.

Forse i due incauti mai hanno sentito parlare di caporalato e non sanno che a raccogliere la frutta e la verdura che imbandisce i loro deschi, quelli di Salvini e perfino quelli dei decerebrati di Forza nuova, sono proprio i nostri “ospiti”, sfruttati, tartassati, trattati come schiavi dai caporali al soldo di proprietari e criminalità organizzata. Nelle imprese edili che a prezzi convenienti ristrutturano le nostre case e appartamenti o, come capitato qualche anno fa in questa città, svolgono lavori per il comune, gli stranieri lavorano in nero, senza diritti sindacali, senza presidi di sicurezza, senza straordinari pagati, ecc. A volte muoiono anche, a volte scompaiono. Spesso lavorano in nero le badanti che accudiscono i genitori anziani, e in nero lavorano anche le giovani schiave che ogni notte offrono il loro corpo ai mariti italiani annoiati dalla routine matrimoniale e in cerca di emozioni forti a buon prezzo.

Potremmo anche parlare del razzismo, delle bugie che stampa e media producono a getto continuo, delle statistiche reali, del termine “invasione” usato a sproposito perché fa vendere, delle statistiche del ministero degli interni e dell’Ista, del fatto che senza stranieri molti di noi non riceverebbero più la pensione o non lavorerebbero, ecc.

Potremmo parlare di una democrazia portata a suon di bombe, degli immigrati rispediti indietro per  essere torturati nelle prigioni libiche e mandati a morire nel deserto, delle Ong attaccate perché loro sì che “accolgono” chi sta per morire, dell’amico Gheddafi con cui per anni i nostri governi hanno stretto affari, ecc.

Vogliamo poi parlare dei centri di accoglienza o, peggio ancora, dei famigerati centri di riconoscimento ed espulsione? Vogliamo davvero parlare di queste vergone nazionali sulle quali tanto ha scritto Gatti in passato, lo stesso Gatti che ha denunciato come le nostre forze militari abbiano fatto affondare un gommone uccidendo, di fatto, uomini,donne e bambini mentre si palleggiavano la responsabilità?

Responsabilità è parola sconosciuta sia a Serra sia alla Serracchiani, sia al partito di cui sono servi. La responsabilità, per un politico, di non dire ciò che la gente vuole sentire ma di dire  ciò che è giusto, corretto e necessario dire, a rischio di essere impopolari, la responsabilità per un giornalista di non giustificare l’ingiustificabile sotto le spoglie di un moralismo da quattro soldi.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail