Succede a Genova

200656345-10a6a483-976f-4783-a297-f66294968407
Genova è il posto in cui vivo e lavoro, fino al luglio 2001 era anche la mia città, poi qualcosa è cambiato, si è e rotto, e oggi è solo il posto in cui vivo, ciò non significa che non mi stia cuore, solo che non la amo più. Ma questo non significa che mi piaccia vederla ferita e derisa.
Succede a Genova che la città è spezzata in due e lunedì, quando cominceranno le scuole, la città sarà alla paralisi.
Succede a Genova che il sindaco appare in tv e dice che va tutto bene, che si registrano code al massimo di un quarto d’ora quando al mattino, solo per fare il ponte di Cornigliano, quello rimasto in piedi, ci vogliono quarantacinque minuti invece dei consueti cinque.
Succede a Genova che non sono stati predisposti treni straordinari e autobus straordinari e lunedì bisognerà armarsi non solo di pazienza ma proprio armarsi, per prendere il treno e andare al lavoro o a scuola.
Succede a Genova che  il trasporto pubblico era già ampiamente sottodimensionato prima della tragedia e adesso è semplicemente ridicolo, di fronte alla tragedia.
Succede a Genova che Comune e Regione che sono sembrati attivissimi i giorni del crollo, ma non lo erano,  erano attivissimi, i vigli del fuoco e i volontari delle assistenze, adesso sembrano inerti, preoccupati a litigare su chi ricostruirà il ponte. Volendo malignare, preoccupati a litigare su chi deve intascarsi i soldi pubblici per il finanziamento del ponte.
Succede a Genova che la Val Polcevera, dove sono nato, è isolata e quando arriveranno le piogge, (nessuno sembra ricordare che a Genova piove in autunno, e parecchio), si fotterà anche la metro e l’isolamento sarà completo.
Succede a Genova che ci vuole più di un mese per mettere dei cazzo di sensori sui resti del ponte e permettere agli sfollati, succede anche questo a Genova, ancora sfollati senza casa, di recuperare qualcosa dalle proprie case.
Succede a Genova che degli imbecilli si fanno dei selfie con i resti del ponte alle spalle, ma questo succede anche altrove, gli imbecilli sono trasversali.
Succede a Genova che in pieno caos, con una città che rischia di non rialzarsi mai più e un ponente esasperato, la giunta comunale approvi l’ istituzione del registro delle famiglie, solo quelle sposate, con figli, le altre non contano un cazzo, un po’ come gli abitanti del ponente e quelli della Val Polcevera.
Succede a Genova che venerdì si farà un minuto di silenzio per ricordare la tragedia ma bisognerebbe urlare fino a quando non avremo più fiato che siamo stanchi di vedere questa città umiliata da amministratori incapaci.
Succede a Genova che, magari, se si chiudesse il centro al traffico, si potenziasse il servizio pubblico e quello ferroviario, ma non solo adesso, per sempre, le cose, forse andrebbero meglio.  magari si potrebbero fare anche delle piste ciclabili e recuperare un po’ della salute che stiamo perdendo in questi giorni.
Succede a Genova che Cornigliano si è liberata dei fumi dell’Italsider ma i fumi che si respirano in questi giorni ogni mattina per i gas di scarico delle auto sono peggiori e più concentrati, e sono preoccupato per la salute dei ragazzini con cui lavoro. Io, il signor sindaco e il signor governatore, meno.
Succede a Genova che sono stati condannati quattro agenti per arresto ingiusto durante il G8. Bene, bella notizia. Diciassette anni per sancire legalmente quello che abbiamo visto tutti, tutti quelli che erano in piazza, tutti quella che volevano un mondo migliore e una realtà diversa,tanti, tra loro,  hanno smesso di amare questa città.
Perché quello che succede a Genova oggi, non è un caso.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Migranti: la politica dei miserabili

Non stupisce la notizia apparsa oggi sul quotidiano di Genova che riporta l’intenzione della giunta di chiudere le porte ai migranti e mandare via anche quelli attualmente ospitati alla Fiera.  

I fascisti sono fascisti, i leghisti anche peggio e, nonostante la facciata rispettabile, chi va con lo zoppo impara a zoppicare e il neo sindaco, molto presto, sta dimostrando di non essere il sindaco di tutti, almeno non di chi crede nella solidarietà.

Addolora che una città come Genova, un porto di mare da sempre crocevia di genti diverse, si sia ridotta così e che la gente possa ritenere che i problemi della città si risolveranno come per magia chiudendo le porte a disperati in cerca di una opportunità di vita. Genova e i genovesi hanno evidentemente dimenticato le folle di emigranti italiani che, agli inizi del secolo scorso, riempivano le sue strade e le sue vie in attesa di imbarcarsi per l’America. La storia non insegna niente.

Mi addolora molto di più, perché lì sono le mie radici, la protesta contro i migranti dei comuni siciliani della provincia di Messina. Manco dalla Sicilia da molto tempo, purtroppo, e non so se la situazione sia veramente diventata insostenibile, conosco però bene le posizioni del sindaco di Messina, che non sono certo in linea con queste proteste. D’altronde, che il vento fosse cambiato, si era compreso con la mancata rielezione del sindaco di Lampedusa. Ma quelle proteste fanno male a chi consoce i siciliani.

Ormai la politica è diventato un gioco da miserabili, quando individui lombrosiani come Salvini riempiono le prime pagine dei giornali con le loro menzogne e le loro ignobili affermazioni razziste e chi sarebbe deputato a controbatterle segue invece l’onda stomachevole dell’intolleranza, per fare un passo indietro quando si accorge di aver esagerato, significa che la ragione ormai non è più immersa nel sonno, è caduta in coma.

Lo testimonia l’esultanza di Salvini per il rinvio dello Ius soli. Possibile che nessuno riesca a spiegare a questo essere abbietto che lo Ius soli non riguarda i migranti che arrivano in Italia, che deve smetterla di mentire e insinuare nella gente false idee, di esultare come un demente per il rinvio di un provvedimento civile e necessario?

Bene ha fatto Gentiloni a rinviare l’approvazione che Renzi, che in quanto a spregiudicatezza, cinismo, e opportunismo politico sulla pelle degli altri non è secondo a nessuno, aveva voluto, sperando di guadagnare voti alle recenti elezioni facendo qualcosa di sinistra e sbagliando, come sempre, tempi e modi.

Lo Ius soli riguarda quei bambini, e le mie classi ormai sono formate quasi sempre in maggioranza da loro, nati in Italia, che in Italia sono da cinque anni o hanno concluso almeno un ciclo scolastico. Sono bambini italiani a tutti gli effetti, che parlano la nostra lingua e sono cresciuti nella nostra cultura. Spesso hanno genitori che lavorano regolarmente nel nostro paese da anni e pagano le tasse.  Le folle di migranti sui barconi non c’entrano nulla, si tratta del perfezionamento di una legge già vigente che non comporta alcuna invasione né alcun attacco a una italianità che sarebbe invece tanto bello scomparisse nei suoi tratti più diffusi.

Machiavelli, il fondatore della scienza politica, scindeva la politica dalla morale ma non dall’etica: anche gli atti più riprovevoli come l’omicidio e il tradimento, erano secondo lui giustificati purché fossero commessi a favore del benessere del popolo. Sembra invece che i politici odierni, ovviamente non tutti, ci saranno anche persone coscienziose, siano più portati a seguire l’ottica di Guicciardini, secondo cui ognuno deve seguire il proprio “particulare”, la propria convenienza personale. A proposito di italianità, questo è sicuramente uno dei tratti più diffusi,

In questi giorni stiamo assistendo, nell’indifferenza quasi generale, a un gioco al massacro sulla pelle degli ultimi, a un disumana speculazione per guadagnare voti, a un imbarbarimento della politica a livelli talmente infimi  da risultare inconcepibili. Siamo allo sdoganamento del razzismo, all’egoismo e all’intolleranza come programma politico. E’ la reazione della borghesia più ottusa e corrotta del paese, quella che costituisce la vera palla al piede dell’Italia, che trova ampi consensi in una popolazione sempre più deprivata culturalmente, sempre più carente in quei valori fondamentali che sono alla base della civiltà.

Quello che più disturba sono le menzogne oggettive, come i dati sui migranti sparati a caso, la distorsione continua della realtà, l’assoluta mancanza di volontà politica di affrontare seriamente un problema ancora gestibile, gli esseri umani ridotti a merce di scambio politica, schiavizzati due volte, deprivati della loro umanità e ridotti a cose da spostare e allontanare per non turbare le coscienze dei bravi borghesi. A me questa politica, questa visione, questa strada che il mio paese e  le mie due regioni sembrano aver intrapreso, fa vomitare.

Non ho soluzioni da proporre, lotto contro il razzismo da così tanto tempo che tendo a considerarlo un male endemico, come l’influenza, qualcosa che a ondate arriva e poi se ne va, magari dopo qualche foto sui giornali di bambini morti. Già una volta l’Europa, sull’onda del razzismo, è arrivata all’autodistruzione. Oggi lo stesso vento soffia sugli Stati Uniti, che hanno però anticorpi democratici più forti dei nostri (quando si tratta della politica interna, sulla politica estera stendiamo un velo) e, si spera, riescano a contenere il presidente più demente degli ultimi decenni.

A mio parere, l’incompetenza dei nostri attuali governanti, che si occupano solo di tutelare lo status quo e mettere a tacere chi la pensa diversamente, sia quelli al governo sia quelli impegnanti in una opposizione solo apparente, sta costando molto cara a tutti. Ma la vita è assumersi responsabilità: la gente non può continuare a seguire il nulla e poi lamentarsi delle conseguenze, Genova non può votare i fascisti e poi andare in piazza se si comportano come tali e così l’Italia tutta. La gente, in questo momento, sta sorvolando sulla costante emorragia di diritti a cui viene sottoposta da anni, sulla distruzione sistematica della scuola, sempre più privilegio di pochi, su una politica economica a vantaggio esclusivo di banche e imprese scegliendo invece di concentrare la propria rabbia sugli ultimi, in nome di un desiderio di sicurezza inopportuno e smentito dalle statistiche sui reati fornite dal Ministero degli Interni, o in nome di quel principio del capro espiatorio che ha riempito le fosse dei cimiteri di tutta Europa in diversi periodi storici.

La politica è lo specchio della gente, e questa politica è lo specchio di un’opinione pubblica che non riesce più a compattarsi sui problemi reali, sui valori che contano. Un’opinione pubblica in  cerca di falsi profeti, di improbabili guru, a volte miliardari, che a suon di volgarità linguistiche e intellettuali la guidino verso la luce. Non importa se il guru dice oggi una cosa e domani l’opposto, magari, avesse letto della neo lingua di Orwell la gente capirebbe, ma il problema è che la gente non vuole capire, vuole essere presa in giro per sognare, che  a prenderli per i fondelli sia Renzi, Grillo o Salvini poco importa: sono intercambiabili, privi di cultura politica politica, signori e amplificatori di vuoti a perdere mentali che stordiscono e questo vuole la gente, stordirsi, fumarsi una mega canna e sorridere beata lasciando il mondo fuori e il guru a risolvere i loro problemi.

Questa è la vittoria più grande, e si avvia a diventare definitiva, del Sistema. Ci hanno ridotto a consumatori, quello è il nostro ruolo e chi non ci sta, vie
ne eliminato. Come nel Grande Fratello, la trasmissione televisiva, non quello di Orwell, In quello di Orwell ci viviamo da decenni senza accorgercene.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Il grande freddo e le lacrime

3758-7269OP621AU12022

Nonostante abbia scritto tutto il male possibile sulla precedente amministrazione, nonostante consideri Renzi e il Pd due nemici da abbattere, provo una grande amarezza al pensiero che Genova verrà governata da una giunta in cui convivono uomini d’affari, xenofobi, razzisti e fascisti, e non so quale sia, tra queste, la categoria peggiore.

Circa il sedici per cento dell’elettorato ha determinato questa scelta. Il 70% della gente, con molte buone ragioni che mi sento di condividere, ha scelto di non esprimersi.

Il mio pensiero va a Carlos, Kathrine, Hind, Bashir, Issam, Camila, e potrei andare avanti a lungo, sono i nomi dei miei alunni “stranieri”, nomi a cui corrispondono storie, sorrisi, volti, lacrime.  Probabilmente, per loro e le loro famiglie, la vita da oggi sarà un po’ più complicata, non tanto per i provvedimenti xenofobi che questa giunta prenderà sicuramente, Bucci dovrà pagare pegno alla maggioranza leghista suo malgrado, quanto per il clima che si è creato in città. 

Penso a quegli atteggiamenti insopportabili che a volte si vedono sui mezzi pubblici nei confronti di chi ha un colore diverso, penso al razzismo, che combatto quotidianamente e che probabilmente avrà un ritorno di fiamma, specie nei quartieri più disagiati, alimentato dalla nuova classe dirigente, penso agli esempi deleteri che avranno di fronte questi ragazzi, al futuro che gli si prospetta, alla rabbia che lentamente coverà in alcuni di loro. Penso all’amarezza e alla frustrazione che proveranno ogni volta che qualcuno li farà sentire “diversi”. Anche se ad essere diversi da certa gente c’è solo di che provare soddisfazione.

Questo non è il mio sindaco, rappresenta quasi tutto quello che odio e combatto da una vita, non sono d’accordo con chi dice di aspettare e vedere se manterrà le promesse perché non manterrà le promesse, per altro vaghe. Questo paese per vent’anni è stato governato dalla destra e il risultato è stato fare tabula rasa di ogni principio etico e morale, sdoganare i fascisti e’  l’effetto più  evidente di questo processo, e trasformare una sinistra bolsa e senza idee, in una destra annacquata. Quindi non venitemi a dire che bisogna lasciarli lavorare perché, storicamente, da quella parte, per il paese non è mai venuto nulla di buono e io la Storia la insegno, nella Storia ci credo. La destra si combatte, non si ascolta e non si aspetta.

Questa è una città che non mi appartiene più, che non riconosco più e che non mi piace. Io amavo la Genova delle lotte operaie, la Genova solidale e cooperativa, la Genova delle collette e dell’accoglienza ai profughi cileni, la Genova che applaudiva gli Inti Illimani e sentiva il 25 Aprile come la “sua” festa. La Genova partigiana, la Genova con i pugni chiusi, la città che si è stretta attorno a Guido Rossa, che ha detto no al terrorismo, che ha invaso le strade al funerale di De Andrè, la Genova che durante il primo giorno del G8 del 2001 è scesa in piazza con i migranti, la Genova dei portuali e delle braccia incrociate, la Genova di Don Gallo, di Don Prospero, dei preti che parlavano alla gente, dei lavoratori dell’Ansaldo e delle bandiere rosse.

Ha cominciato a morire in piazza Alimonda, quella Genova, alla Diaz, a Bolzaneto, il colpo di grazia gliel’ha poi dato quel partito che, per tanti anni, ha fatto la sua storia e poi l’ha rinnegata.

Ricordo una festa dell’Unità, alla guida del partito c’era Veltroni. Apre il suo intervento Victor Rasetto, barba alla Guevara, pettinato (odio gli uomini pettinati). Io e Claudia, mia moglie, ascoltiamo esterrefatti mentre dice che l’affermazione personale, l’aspirare alla ricchezza e al potere, non è un delitto. Ecco, lì ho capito che era finita. Il partito si stava già trasformando, stava già preparando Renzi, che è il prodotto finale di ambiguità, passi falsi, compromessi, connivenze, che hanno prodotto l’orribile metamorfosi che ha trasformato il più importante partito comunista d’Europa in un partito di destra amico dei fascisti.

“ Il grande freddo lo scioglieranno le lacrime del nostro furore” canta Claudio Lolli, un comunista, nel suo ultimo, bellissimo disco. Il Grande freddo è uno dei “miei” film, la narrazione delle perdita dell’innnocenza, della fine dei sogni di fronte alla realtà, del passaggio dalla gioventù a una maturità rassegnata ma, nello stesso tempo, è anche la consapevolezza che si può scegliere di restare sé stessi, di non cambiare, di non accettare compromessi su quei principi che erano le fondamenta della protesta e della lotta.

Oggi è la giornata delle lacrime, amare e brucianti, e del furore, se saranno sufficienti a sciogliere il grande freddo, lo vedremo più avanti.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Di fascisti, leghisti, pentastellati ed altre amenità

Avendo a lungo polemizzato con la mia parte politica da queste pagine, argomentando e circostanziando la mia ritrosia ad andare al voto domenica, trovo giusto parlare anche dell’altra parte politica, giusto per superare il mito del masochismo di sinistra.

Bucci è certamente onesto, un imprenditore con una fama solida, quindi si presume, ma non è così matematico, persona capace, anche se non proprio vicina a quella parte di popolazione che, in questo momento, sta soffrendo le conseguenze della crisi in modo drammatico.

Lo sbandieramento del suo curriculum vitae, che ho osservato sui social,  è una volgare esibizione che a poco giova  e, soprattutto, non giova a Bucci: la storia è piena di personaggi che, senza titoli accademici, hanno ben operato nel loro campo. Di Vittorio, mitico sindacalista, non era certo un intellettuale e uno dei miei padri spirituali, Leonardo Sciascia, era un maestro elementare. La storia è altrettanto piena di imbecilli, corrotti e corruttori con titoli accademici roboanti alle spalle. Vogliamo parlare di Berlusconi, Dell’Utri, e compagnia cantante?

Giova ancor meno a Bucci la canea squadrista che si è portata dietro al faccia a faccia con il suo avversario e che ha dato, come sempre danno fascisti, leghisti e affini, l’ennesima scarsa prova di democrazia. Se questo è il nuovo, quattro bifolchi che insultano l’avversario, possiamo tranquillamente tenerci il vecchio, grazie.

D’altronde, la canea se la dovrà portare in consiglio comunale, perché i numeri parlano chiaro: la sua maggioranza sarà in parte leghista, in parte fascista. Un mix da far tremare le vene ai polsi. E’ per questo che andrò a votare, nonostante tutto.

Andrò a votare perché considero Bucci e il manipolo di balordi che lo accompagnerà in consiglio comunale pericolosi per la tenuta democratica di una città che ha avuto la sua dose abbondante di pestaggi fascisti durante il G8 del 2001 e almeno per un’altra ventina d’anni è a posto, grazie.  Considero Bucci pericoloso perché, fermo restando che non ho motivo di ritenere che non sia persona meno che degna di rispetto, preparato, sinceramente desideroso di fare il bene della città, ma su questo lasciatemi qualche dubbio da proletario che guarda al padrone, se anche venisse eletto sindaco non comanderà comunque nulla, perché il sindaco è un primus inter pares, e la sua maggioranza può venirgli meno in qualsiasi momento se non resta fedele alla linea.

Qual è dunque la linea di Lega e Fratelli d’Italia? Intolleranza, razzismo becero, crassa ignoranza. Come da sempre è abitudine dei fascisti, questi sono leoni con gli agnelli (leggi profughi, immigrati, ecc., ma loro non distinguono la differenza), incapaci di articolare un pensiero politico coerente, buoni solo a parlare a quella parte di gente che non ha strumenti per decodificare l’inconsistenza e l’assurdità dei loro messaggi.

Genova è città meticcia, come ogni porto di mare, l’Italia è nazione meticcia, imbastardita da secoli d’invasioni, l’ultima grande nazione europea a diventare stato unitario. Ma come spiegarlo a gente che crede alla Padania e al dio Po? Come spiegare che i romani, sul meticciato e sul riconoscimento dei diritti civili hanno costruito un impero? Come dimostrargli che le razze non esistono, che in un mondo globale i fenomeni migratori sono inevitabili, ieri hanno interessato noi, oggi interessano altri popoli. Servirebbe un volume enciclopedico di mappe concettuali per far loro capire che non c’è nessuna guerra di religione in corso, nessuno scontro di civiltà ma solo uno sporco gioco di interessi legato alle risorse petrolifere del Medio Oriente.

Ma sarebbe come parlare ai sordi, come parlare ai sordi è rivolgersi ai Cinque stelle, che accettano senza batter ciglio di difendere lo ius soli e poi non votarlo, di cambiare bandiera a seconda degli umori del loro bizzoso capo, fulgido esempio di sistema orwelliano che utilizza, nella migliore tradizione totalitaria , un vocabolario assai limitato: corrotti, ladri, vi cacceremo, siamo onesti, abbiamo gli scontrini, ecc. La statura intellettuale è la stessa della canea, affermare che nel movimento ci sono seguaci di Berlinguer e di Almirante, spiega ogni cosa, compresa l’impossibilità di dialogo con questi che non sono militanti, ma fedeli, adepti di una setta guidata da un comico, perfetta metafora dello stato miserando in cui versa il nostro paese.

Domenica allora votiamo il meno peggio? Non lo so. Ho già parlato delle mie riserve sul progressismo ipocrita  e di facciata di questa sinistra, sulle leggi indiscutibilmente fascistoidi di Minniti, sulle posizioni della Serracchiani.

Diciamo che, da proletario, al padrone e alla canea, preferisco l’infermiere. E tanto basta.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail