Dom. Gen 26th, 2020

Il granello di sabbia

Basta poco per fermare l'ingranaggio

A proposito di questo Blog…

…Viviamo in un mondo politico e sulla politica bisogna parlare, ragionare scontrarsi per renderla viva e attiva. il Libro “Un paese sospeso” disponibili su AMAZON e, su ordinazione, nelle librerie GiuntialPunto, raccoglie gli articoli di questo blog dell’ultimo anno, un anno importante, che ha cambiato l’Italia e gli italiani. Il blog ne è la continuazione naturale, uno sguardo libero sulla realtà e sui fatti.

2 thoughts on “A proposito di questo Blog…

  1. Ciao Pietro. Forse potresti indicare un tuo indirizzo e mail nel caso qualcuno volesse inviarti qualche segnalazione o materiale interessante. Ti ringrazio per l’attenzione.

  2. Nubi nere si addensano sulla scuola pubblica italiana: si avvicina l’obiettivo europeo del 2020, quello di avere l’80% di diplomati nelle classi di età ad iniziare da quella del 2002 (oggi ne siamo ben lontani in Italia, e ancora di più in Europa !), ma sembra che si faccia di tutto per togliere valore all’istruzione, ridurre quella che è la qualità del lavoro dei docenti, negare risorse a questo settore fondamentale. Seguiamo Silvio, bambino del 2002, oggi in seconda elementare. Sta in una classe di 26 o anche 27 bambini, solo se è fortunato può godere delle 40 ore settimanali del tempo pieno, più spesso a 27 o 30 ore settimanali. La sua classe non ha contemporaneità orarie, quindi non vedrà mai un pennello, un panetto di creta, e nemmeno la tastiera di un computer, se non utilizzato sotto forma di espansione di una tradizionale lavagna. Per altre attività con computer, creta, coltivazioni o pittura non si può certo operare in 26 per volta ! Per molti pomeriggi, poi , la sua classe si “arricchisce” fino a 31 o 32 componenti – in barba a tutte le norme sulla sicurezza, oltre che al buonsenso – perchè la scuola non ha soldi per chiamare le supplenti, e i bambini vanno quindi divisi fra le varie classi. Qualche anno fa sarebbero stati gli enti locali a supportare i maestri di Silvio, con molte attività di sport, visite ai musei, interventi di esperti: ora basta, i Comuni non hanno soldi. Come non hanno soldi le A.S.L. se Silvio dovesse avere qualche problema di apprendimento o di tipo psicologico. E ci parlano di delocalizzazione ? Di necessità che al lavoro manifatturiero si sostituiscano attività sempre più qualificate, per vincere le sfide del mondo moderno ? Svegliarsi, cittadini, da elettori, o da genitori, o da lavoratori organizzati: qui ci stanno distruggendo i veri valori di tutti !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *