Lo spirito del tempo

Spread the love
Spread the love

Salva bozzaAnteprima(si apre in una nuova scheda)PubblicaAggiungi Titolo

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è social-media-3762538_640.jpg

Osservazioni sulla proposta della Moratti e sulla società in cui viviamo.

Non comprendo lo scandalo e l’indignazione riguardo la proposta della Moratti di assegnare i vaccini alle varie regioni tenendo conto anche del Pil.

Ovvio che, da un punto di vista personale, la trovi spregevole ma è del tutto in linea con lo spirito del tempo, con le proteste di Vissani o con lo scoramento di chi non ha potuto affollare le località sciistiche, con lo sdegno della Santanché e di Briatore per chiusura ( tardiva) delle discoteche questa estate e con chi quelle discoteche lussuose le ha riempite, senza rispetto per sè e per gli altri.

Le vibranti proteste sui social restano autoreferenziali e vuote, di fronte a uno sfacelo della nostra società che è sotto gli occhi di tutti e di cui la Moratti è solo il campione del momento. Il tessuto sociale che, secondo il dettato costituzionale, dovrebbe essere tenuto insieme da vincoli di solidarietà e mututalità, è ormai strappato, fatto a pezzi da anni di politiche individualiste, da un’egoismo ormai assunto a regola, dalla regola che il bene di pochi, col portafoglio pieno, conta più del bene di molti.

Sono coerenti con questa richiesta anche i ricorsi al tar di poche famiglie per riaprire le scuole a ogni costo, anche a costo della salute dei propri figli e degli insegnanti o le file di persone che affollavano il centro sotto Natale per non rinunciare allo shopping che hanno causato un nuovo rialzo dei contagi.

La Moratti è il prodotto tipico della politica in una società consumista e capitalista, dove chi consuma di più ha più diritti, è più cittadino degli altri e chi non consuma è socialmente improduttivo, non degno di attenzione. Consumatore è diventato sinonimo di cittadino ed è in questa logica che trovano spazio il razzismo e l’indifferenza verso chi vive ai margini della società, destinato a un’esistenza periferica e invisibile.

Gli stessi ritardi del governo in questa seconda fase della pandemia, i tentennamenti nel decidere nuove chiusure, sono stati dettati dalla necessità di far ripartire i consumi: tra un’economia che muore e persone che muoiono, a tratti si è scelto di salvaguardare la prima a scapito delle seconde.

La Moratti è stata ministra dell’istruzione e la sua riforma, respinta, aveva dietro una logica imprenditoriale che, in parte e velatamente, è stata ripresa da colui che non può essere nominato, un altro figlio dello spirito del tempo.

Stiamo assistendo a una crisi di governo che è il frutto di uno scontro tra lobbisti, che litigano su come spartirsi la ricca torta dei fondi europei invece di trovare soluzioni concrete per usare quei fondi a beneficio della gente. Non conta come verranno spesi ma a chi verrà assegnato il compito di spenderli, il pomo della discordia è tutto lì, nonostante la retorica di entrambi i contendenti.

Il covid avrebbe dovuto indirizzare le riflessioni della gente verso la richiesta di un cambio di paradigma, di una nuova società basata su nuovi valori condivisi, orientata a un consumo responsabile, a una redistribuzione più equa della ricchezza e a una rafforzamento del welfare.

Ci stiamo invece muovendo verso una forma di autoritarismo inedita, i cui contorni vanno ancora definendosi, pericolosa perché subdola, ma perfettamente integrata nello spirito del tempo, anzi, funzionale ad esso. Speriamo di non rendercene conto quanto sarà troppo tardi.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *