Sorpresa: la scuola distanza piace alle famiglie

Spread the love
Spread the love

I casi sono due: o chi parla dei danni inenarrabili che la didattica a distanza sta provocando sugli studenti delle superiori, compreso chi scende in piazza a reclamare il ritorno delle lezioni in presenza, compresi sociologi, psicologhi, ecc., chi si lamenta del tempo perso ( in certe materie certamente sì, in altre non si sa perché) e compagnia cantante non ha la minima percezione della realtà, oppure gli insegnanti che stanno facendo didattica a distanza alle superiori conoscono bene il proprio lavoro e riescono a mantenere, senza perdite significative, il contatto con i ragazzi.

Perché il sondaggio presentato oggi da Ilvo Diamanti su Repubblica, giornale che volentieri spara a zero sulla scuola gratuitamente, dà un quadro assai diverso da quello che viene dipinto sui media: il 64% delle famiglie, quasi due terzi, è favorevole alla didattica a distanza, che tradotto, significa che i due terzi delle famiglie hanno ancora fiducia nella scuola.

E’ un giudizio che non mi stupisce perché, ripeto, a parte attività laboratoriali importantissime per certi ordini di scuola, come quello in cui insegno adesso, nettamente penalizzate da questa forma di didattica, per quanto riguarda le altre materie si lavora non dico normalmente, ma abbastanza agevolmente e speditamente. Anzi, la DaD, dal punto di vista degli insegnanti è uno strumento per sperimentare nuove didattiche, da applicare poi quando si tornerà in presenza; perché sia chiaro, l’esperienza acquisita in questi mesi non può essere una risorsa da giocarsi nelle emergenze ma deve implementarsi nell’attività “normale”, per potenziare e recuperare, approfondire, cosa che non sempre si riesce a fare come si vorrebbe in presenza.

Quanto alla desocializzazione dei ragazzi, con buona pace di Diamanti, che è un sociologo di vaglia e ne sa certamente più di me, ma forse non ha a che fare con gli adolescenti, non mi trova d’accordo.

Chi con i ragazzi parla e, soprattutto, li ascolta, sa che quella solitudine paventata esiste da tempo, che l’abitudine a trovare riparo dietro lo schermo di un telefonino o di un pc, era consolidata ben prima che partisse la dad.

Le chat hanno sostituito le telefonate, oggetto di litigi furiosi con i genitori per chi ha la mia età, rivoluzionando il modo di relazionarsi tra i ragazzi che tra loro, dialogano realmente sempre meno. I cellulari, sdoganati troppo in fretta dalle famiglie, sono diventati strumento di socializzazione e di emarginazione, di stigma o promozione sociale, rifugio e schermo dietro cui trasformarsi in quello che non si è.

Lo si comprende da come i ragazzi si aprono ingenuamente e candidamente nei temi, nelle discussioni in classe, quando hanno la possibilità di parlare di loro. Allora sì che vengono fuori solitudine e rabbia, lo smarrimento di fronte a un mondo adulto che non comprendono che trovano spesso, giustamente, crudelmente ottuso e insensato e l’irritazione dei più sensibili verso i pari, tacciati di essere superficiali o insensibili mentre, spesso, quell’apparire ossessivamente sui social è una tacita richiesta d’aiuto.

Spesso neanche un buon dialogo in famiglia è sufficiente ad alleviare le loro ansie e le loro paure, che crescono nel confronto con un gruppo dei pari spesso poco incline ad accogliere chi è troppo problematico.

Ecco cosa non potrà mai essere sostituito dalla Dad: non la scuola in sè, che funziona nonostante tutto, ma il guardare un ragazzo/a negli occhi e capire che c’è un problema, dargli la possibilità di parlare, parlare veramente senza filtri, che non sempre serve ma a volte sì, a volte è decisivo.

A Gennaio torneremo in presenza, probabilmente allo sbaraglio come è successo a Settembre, e già si prospettano le ipotesi più demenziali: andare a scuola di domenica, fino alle 18, a Luglio e Agosto, ecc.

Ecco, fa più male alla scuola questa informazione, queste parole in libertà da fiera degli incompetenti, che la didattica a distanza, faticosa, difficile da gestire, ma irrinunciabile in questo momento. Lasciarci lavorare in santa pace, visto che l’utenza apprezza, sarebbe cosa gradita.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

2 Replies to “Sorpresa: la scuola distanza piace alle famiglie”

  1. SmartWorking e Scuola Personalmente, come molti hanno segnalato, mi trovo malissimo. Sia io che mia moglie siamo liberi professionisti e quindi in parte gia abituati e predisposti allo smart working, in tempi di normalita . Tuttavia con i bimbi a casa, dividersi gli spazi e i tempi per lavorare e veramente difficile. Su questo si sovrappone il discorso scuola. Il bimbo piu grande e alle elementari, ma gia buona parte della sua giornata viene assorbita dallo scaricare i compiti, stamparli (foto, non scansioni o pdf, che vanno ritagliate e schiarite prima di stamparle), interpretarli e farli. Tutte cose che richiedono la presenza di uno degli adulti. Il piu piccolo va ancora all asilo e quindi pur non facendo i compiti ma solo i lavoretti , richiede le sue giuste attenzioni, anche per giocare. In definitiva, considerando anche le altre necessita della vita quali mangiare, fare la spesa etc. il tempo per lavorare e concentrarsi e veramente ridotto o va ritagliato quando i bambini dormono. E a noi va bene (si fa per dire) che il lavoro sta decrescendo a vista d occhio e che siamo gli unici responsabili di noi stessi. Non oso pensare a chi ha il tempo contingentato, o debba fare conference call, gestire back-office e cose simili. Come si diceva in alcuni commenti sopra, finisce che lo smart working introduce una ulteriore distanza tra figli e genitori con questi ultimi che, ormai, 10000 nemmeno quando sono a casa possono dedicare del tempo di qualita ai figli! (questo probabilmente e un dato soggettivo perche non in tutte le famiglie va cosi, e c e chi ha problemi maggiori e chi se le cava molto meglio). In tutto cio tralascio volutamente l impatto economico, perche noi il lavoro oltre a farlo, dovremmo anche cercarcelo , e questi mesi getteranno un ombra molto lunga su tutto quest anno e forse anche sul prossimo. E non e che prima avessimo accumulato chissa quali riserve, anzi, si veleggia sempre a vista.

  2. Ovviamente l’articolo voleva porre l’attenzione su un problema generale, poi comprendo che, per casi specifici, la Dad possa risultare disastrosa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *