Le prove Invalsi: non è tutt’oro quel che riluce

Le prove Invalsi: non è tutt’oro quel che riluce

thought-2123970_640

Cito testualmente dall’articolo apparso su Repubblica oggi, firmato da Maria Pia Velediano

“Sia pure nell’anonimato degli studenti, la rilevazione permette di leggere i progressi (o i mancati progressi) nella acquisizione delle competenze linguistiche e matematiche dalla scuola primaria all’ultimo anno delle superiori e permette quindi di vedere quale ordine di scuola non dà abbastanza, quali aree geografiche soffrono di criticità, dove devono andare le maggiori risorse. Dice, ad esempio, attraverso il dato della variabilità degli esiti fra classi della stessa scuola e fra scuole della stessa città, se si sta sbagliando, se si creano in partenza classi elette e classi ghetto e gli uffici scolastici territoriali possono saperlo e intervenire con i dirigenti. È un dato che ci serve, fondamentale per l’equità.”

Il virgolettato in questione contiene, a mio modesto avviso, ma io sono solo un docente di scuola media, anzi, secondaria di primo grado, alcune marchiane inesattezze che mi permetto di sottoporre all’attenzione e alla pazienza di chi legge. Premetto che l’unica cosa in positivo che penso delle prove Invalsi  è che non costituiscono più una prova d’esame.

Intanto parliamo dell’anonimato degli studenti che vengono classificati numericamente e quindi sono assolutamente riconoscibili da chi ha ideato il cervellotico sistema di classificazione che prevede di incollare materialmente delle striscione numerate dopo averle ritagliate su delle schede. davvero, non sto scherzando. Ma che l’anonimato non sia garantito,  lo chiarisce la stessa redattrice nell’articolo: se dai risultati possiamo osservare la variabilità degli esiti tra classi dello stesso Istituto, mi dite dove sta l’anonimato?

Quanto alla variabilità degli esiti tra classi della stessa città, è dovuta al fatto che esistono scuole più ricche e scuole più povere, scuole che operano in quartieri con famiglie strutturate e benestanti e scuole che operano in quartieri con famiglie destrutturate e disastrate, scuole con molti alunni stranieri e scuole senza.  Dati, di cui l’Invalsi non tiene alcun conto. Il dato sarebbe, come dice la redattrice correttamente, fondamentale per l’equità, peccato che dopo anni di Invalsi sull’equità tra scuole in Italia non si sia fatto un accidente di niente. Ricordo che equità significa anche garanzia del rispetto del diritto allo studio.

Il passo più irritante poi è quello in cui si dice che le prove Invalsi permettono di vedere quale ordine di scuola non dà abbastanza. Su che basi? Secondo la redattrice preadolescenti obbligati ad andare a scuola e a studiare cose di cui non gli importa un accidente possono fornire prestazioni uguali ad adolescenti che hanno scelto la scuola da frequentare e studiano secondo le loro competenze materie che gradiscono? Il giovane della scuola media di Scampia o dello Zen di Palermo può fornire le stesse prestazioni del liceale di Napoli o di Palermo e, in caso contrario, significa che la scuola med… scusate, secondaria di primo grado non funziona? Avrebbe ragione Salvini a definirla un parcheggio? Si può essere seri almeno una volta parlando di scuola?

C’è poi un’affermazione esilarante: i test Invalsi stabilirebbero in quali zone debbano andare le maggiori risorse. Le risorse, chiunque fa scuola lo sa, sono, per misteriose alchimie, abbondanti dove non ce n’è bisogno e scarse dove servirebbero e parlare di redistribuzione delle stesse dopo anni in cui la scuola è stata oggetto di tagli costanti, con fondi d’Istituto ormai ridotti al lumicino, provoca, appunto, grasse risate. Si ride per non piangere, ovviamente.

Quanto alla volontarietà dei test Invalsi, citata a inizio articolo, permane alle superiori mentre nella secondaria di primo grado il superamento del test è conditio sine qua non per l’accesso all’esame.

Scrivere in modo approssimativo sulla scuola, in un momento in cui la scuola è in grave crisi, i suoi lavoratori hanno il contratto scaduto da mesi e si lavora costantemente in emergenza, non è elegante e da un giornale come Repubblica ci si aspetterebbe qualcosa di più della difesa d’ufficio della Buona scuola e delle prove Invalsi, cordialmente detestate da molti docenti italiani. Anche perché di Scuola, di una scuola attiva ed efficiente che formi cittadini responsabili questo paese ha disperatamente bisogno.

cropped-twitter-molto-piccola.jpg

Puoi acquistarlo qui in ebook o cartaceo 

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail
wp_3307042

Lascia un commento