Il drogato è sempre colpevole

Novembre 17, 2019 Cronaca, Politica italiana

smoke-1031060_640

A parte l’assenza di umanità e dignità che purtroppo sembrano costituire una caratteristica comune dei nuovi politici di  ogni colore, le dichiarazioni di un ex ministro della repubblica, capo del partito più razzista e xenofobo degli ultimi cinquant’anni e di un importante esponente della regione Lazio, che non nomino per non fare pubblicità ai miserabili, denunciano la permanenza di uno stereotipo ormai incardinato nella nostra cultura, che sembra impossibile da eliminare: quello della colpevolezza del tossicodipendente.

Sostanzialmente i due uomini politici, i due politici, no, meglio, i due, affermano che la morte di Cucchi sia stata causata non da una violenza ingiustificata e ingiustificabile, gratuita e insensata da parte di due esponenti delle forze dell’ordine, giustamente condannati, ma dalla sua tossicodipendenza. Il drogato è colpevole a priori.

Non mi interessa se il ragazzo assumesse droga o no, perché il discorso non cambia. Questo atteggiamento mostra una imperdonabile ignoranza di cosa significhi essere un drogato, di quali conseguenze comporti per la sua vita e per la vita di chi gli sta intorno, del fatto che non tutti i drogati delinquono, alcuni, semplicemente, vivono il proprio inferno personale in solitudine, se qualcuno non dà loro una mano. Una ignoranza assolutamente ingiustificabile in chi ricopre cariche politiche importanti o aspira a guidare il paese.

Il drogato non è sempre un pericolo per la società mentre è sempre, ma questo i due non lo capiranno mai, il sintomo di un malessere della società, di una fuga da una realtà spesso dura, insopportabile, inaccettabile. La storia di un tossicodipendente spesso, è  una storia di violenze e privazioni, di assenze e perdite, di un male di vivere straziante che merita rispetto.

Oltretutto, l’uso di droghe ha assunto tali e tante sfumature oggi, data la varietà di prodotti sul mercato, e le differenze di prezzo e qualità,  che già la definizione di drogato risulta priva di senso, come risulta del tutto privo di senso affermare che, in quanto tale, un tossicodipendente non possa essere un bravo ragazzo. Come se un sintomo definisse la persona, come se una mancanza la rendesse deviante.

Il risultato di questo eccesso di semplificazione, il fatto stesso che la Bossi Fini sia ancora in vigore lo testimonia, è che il problema non è più di rilevanza politica, anzi, per i media non esiste, se non sporadicamente. Così invece di parlare di argomenti che potrebbero rappresentare una soluzione, dato il fallimento del proibizionismo, come una liberalizzazione controllata o la necessità di educazione all’uso responsabile, si continua a fare finta di niente, salvo estemporanee uscite come quelle citate che servono a continuare perpetuare il mito del drogato  come nemico pubblico, a inserirlo nella categoria dei capri espiatori insieme ai migranti, ai rom, agli ebrei, ai gay, ecc.

Si amplificano, di contrasto, fenomeni importanti ma marginali, come il gioco d’azzardo e il bullismo, assolutamente risolvibili per vie legali, più spendibili mediaticamente, perché, altro luogo comune, tutti sanno che la droga tocca sempre i figli degli altri, non i nostri.  Con questo non voglio assolutamente dire che i due fenomeni sopracitati non vadano  combattuti o non siano gravi, la cronaca, purtroppo, a volte riporta tragedie legate ad essi,  solo che non hanno l’incidenza delle dipendenze da droga e alcool né la stessa stigmatizzazione sociale nell’immaginario collettivo.

Sono certo che le dichiarazioni dei due politici abbiano incontrato il favore di molte persone che la pensano come loro e a cui auguro, di cuore, primo di non finire mai galera, secondo, di non doversi mai pentire, magari sulla pelle dei propri figli, perché non sono sempre i figli degli altri a cadere vittima della droga. Io credo che dovrebbero solo vergognarsi della loro ottusa ignoranza, del loro razzismo, della loro carenza di umanità. Ma non lo faranno.

 

cropped-twitter-molto-piccola.jpg

Puoi acquistarlo qui in ebook o cartaceo

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archives

Paperblog

<a href=”http://it.paperblog.com/” rel=”paperblog pietro66″ title=” Paperblog : I migliori articoli dai blog” >
<img src=”https://m2.paperblog.com/assets/images/logos/minilogo.png” border=”0″ alt=”Paperblog” />
</a>

Logo
Aenean Donec sed odio dui. Donec sed odio dui. Aenean eu leo quam. Pellentesque ornare sem lacinia quam venenatis vestibulum. Curabitur blandit tempus porttitor ligula nibhes, molestie id vivers dapibus iaculis.

SpicePress Theme
Chestnut Road, California (USA)

Siti consigliati