La decisione del capitano della Sea watch di forzare il blocco navale e la sguaiata risposta di Salvini pongono il paese a un punto di non ritorno, a una scelta di campo tra infamia e umanità.

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *