Mar. Gen 21st, 2020

Il granello di sabbia

Basta poco per fermare l'ingranaggio

A farmi paura è il silenzio degli onesti (M.L. King)

sea watch

Da quattordici  giorni, nell’indifferenza e nel silenzio totale, 42 persone sono bloccate in mare sulla Sea Watch.

Quarantadue esseri umani che respirano, piangono, ridono, parlano, amano, soffrono come noi, sanguinano come noi, ma non sono fortunati come noi.

La Sea watch è una Ong, a oggi, tutte le inchieste giudiziarie a carico delle Ong sono state archiviate perché il fatto non sussiste, tutte le menzogne diffuse da Salvini, Di Maio, ecc., sono state smentite. Non esistono taxi del mare, non esistono accordi con i trafficanti di esseri umani, esiste invece un accordo di questo governo e del precedente con i torturatori e assassini libici.

La vicenda della Sea watch è tanto più crudele e squallida in quanto il ministro degli interni ha ignorato le offerte di aiuto provenienti, per esempio,  dalla Germania, dove un paese si è reso disponibile ad accogliere i profughi dopo lo sbarco in Italia. Leone con gli agnelli, come tutti quelli della sua risma, come i suoi alleati di governo, a Salvini interessa portare avanti il grottesco mito del capitano, dell’uomo forte alla guida del paese che non demorde dalla sua crociata contro chi salva vite umane.

I media, stampa e televisione, ignorano volutamente questa follia, la sinistra non la denuncia per timore di perdere ulteriori consensi, molte associazioni del terzo settore trovano più popolare lanciare anatemi contro Casapound piuttosto che schierarsi apertamente in difesa dei profughi.

In Italia, oggi, tutti hanno paura di difendere i migranti, di andare in direzione ostinata e contraria, di schierarsi dalla parte del torto, dal momento che gli altri posti sono già occupati. In Italia, oggi, si sente  l’assordante silenzio degli onesti.

Ricordo, perchè questo paese ha la memoria del pesce rosso, che qualche settimana fa una collega è stata sospesa perchè alcuni suoi alunni hanno inserito in una presentazione powerpoint un paragone tra il decreto sicurezza e le leggi razziali.

Spiego: una collega è stata sospesa perché alcuni suoi allievi hanno paragonato quanto sta succedendo in Italia a quanto accadde quando furono varate le leggi razziali. Cioè a quanto accadde quando per legge venne approvata un’infamia.

Domanda: lasciare quarantadue esseri umani in mare quattordici giorni per un calcolo politico, per solleticare gli istinti peggiori dei propri elettori e tenere ben vivo il fuoco dell’odio razzista, non è un’infamia? Non è un paese infame quello che abiura all’umanità per legge? Non è infame chi si volta dall’altra parte e fa finta di non vedere? Non è infame chi per calcolo politico non difende ciò che va difeso, non denuncia ciò che va denunciato?

Infame, in greco, significa ” colui che non deve essere nominato”, colui che ha rinunciato a essere umano.

La domanda non è più dove sta andando questo paese, ma quale altro fondo riuscirà a toccare.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail