Mar. Gen 21st, 2020

Il granello di sabbia

Basta poco per fermare l'ingranaggio

Qualcosa per il popolo? No, solo fumo negli occhi.

fumo-negli-occhi

Il vuoto della politica italiana sta assumendo dimensioni inquietanti. E’ talmente palese il tentativo delle due forze politiche al governo ci arrivare alle elezioni con l’apparenza di aver fatto molto senza aver concluso nulla da risultare patetico. Non c’è stato, da quando il governo è in carica, un solo pallido tentativo di riforma strutturale, di sistema, del paese, solo provvedimenti estemporanei e dal fiato corto, che finiranno per cozzare con il deficit pubblico alle stelle e le regole di un’Europa di cui l’Italia,piaccia o no, non può fare a meno, nonostante le illusioni di un continente a trazione sovranità di Salvini.

Soprattutto, mancano i provvedimenti a favore del popolo. Come Renzi, più di Renzi, peggio di Renzi, tanto rumore si è risolto nell’elemosina del reddito di cittadinanza, fumoso, poco chiaro e tutto da verificare con il suo corollario di navigator e promesse di un lavoro che non c’è,e, forse, nella flat tax di cui si sta discutendo in questi giorni, un regalo elettorale dal fiato corto.

Senza contare la battaglia per i clienti delle banche e il fumo mediatico attorno a essa: in realtà, quelli veramente truffati sono stati già risarciti da Renzi, oggi si parla di risarcire i furbi, ma lasciamo perdere.

Insomma, il governo del popolo, non ha idea di quali siano i problemi reali del popolo, crede di risolvere il problema fondamentale delle periferie mandando via rom e immigrati e quello della scuola, con il calo di iscrizioni dovuto anche al fatto che molti migranti regolari stanno lasciando il nostro paese, con una revisione della legge sull’autonomia. Senza contare l’infelice uscita del ministro dell’istruzione che ha deciso di adottare il motto prima gli italiani anche per la scuola, dove prima dovrebbero esserci solo i ragazzi, tutti.

Scuola, Sanità, Giustizia, riforma del sistema dei servizi sociali che sono al collasso, riforma fiscale in senso progressivo, politiche del lavoro che partano, ad esempio, dalla ristrutturazione dei centri storici e dalle infrastrutture dove non esistono,invece di cementificare il paese, messa in sicurezza del territorio, riduzione delle emissioni di gas serra, rilancio dell’agricoltura, lotta senza quartiere alla corruzione e alla criminalità organizzata, ecc., nulla di tutto questo sembra interessare a Salvini e Di Maio, coesi come mai in questo momento allo scopo di arrivare alle elezioni dicendo di aver fatto tutto quanto hanno promesso, senza in realtà aver fatto nulla.

Qualcosa, a dire la verità hanno fatto: hanno sdoganato un razzismo brutale, cieco, dato spazio ai topi di fogna dell’estrema destra, proporranno una riforma del diritto di famiglia che non è medioevale, ma mal scritta, iniqua e maschilista, si sono resi e si stanno rendendo responsabili della morte silenziosa di uomini, donne e bambini nel Mediterraneo, rispedendo i barconi verso quella Libia che sta bruciando o rifiutando l’accoglienza, hanno ridotto la politica a uno show del Bagaglino ma più volgare, manipolano l’opinione pubblica usando i social media come armi invece di cercare di comprendere i problemi della gente, usano la bugia e la mistificazione per creare nuovi nemici contro cui orientare la rabbia senza curarsi delle conseguenze.

Di questo disastro etico primo o poi qualcuno dovrà rendere conto e pagare il dovuto, perché, presto o tardi, anche chi si rifiuta di capire capirà e forse, ma è più improbabile, si vergognerà.

Dall’altra parte c’è il nulla, ma un nulla che guadagna consensi perché a sinistra siamo destinati a turarci il naso e ad appoggiare chi, almeno a parole, è ancora capace di portare brandelli di valori. Nulla di trascendentale, nulla che lasci sperare in una cambiamento che non sia una pioggerella primaverile che elimini un po’ di fetore dalle strade, ma, di questi tempi, è già qualcosa.

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail